Bimby

www.unacuocaimprovvisata.altervista.org

www.unacuocaimprovvisata.altervista.org

Tabelle di conversione TM21 TM31

Tutte le ricette per il TM21 possono essere adattate al TM31 secondo questa tabella di conversione e viceversa. 

1. Dove era prevista la farfalla per primi e secondi viene utilizzata la velocità soft antiorario. 

2. Per gli impasti, dopo avere messo la farina si deve mettere subito la vel. Spiga (prima era prevista la vel. 6 per 20/30 sec.). Premendo il tasto spiga si azionerà una lavorazione alternata (5 volte in senso orario ed 1 volta in senso antiorario). Si tratta di un’imitazione della speciale procedura di impastatura utilizzata nell’industria per ottenere una pasta da pane di alta qualità. La modalità spiga è azionabile solo se il boccale è freddo o dopo che la sua temperatura è scesa sotto i 60°C 

3. La farfalla per il tm31 si usa solo per montare gli albumi, la panna e per la preparazione di dessert, vellutate o creme. 

4. La velocita’ 1 – 2 sono invariate 

5. La vel. 3 viene sostituita dalla vel. 4 

6. La vel. 5 viene sostituita dalla vel. 6 

7. La vel. 7 viene sostituita dalla vel. 8 

8. La vel. 8 viene sostituita dalla vel. 9 

9. La vel. Soft (simbolo cucchiaio che mescola) unita alla funzione antiorario (simbolo freccia che ruota, si tratta di far girare le lame al contrario in modo che la parte tagliente non sia a contatto con i cibi) permette la cottura di risotti, carne con osso, involtini, verdure trifolate, pizzaiola e per tutte le preparazioni che richiedono un lento rimescolamento. 

10. La funzione Turbo (che coincide con la velocità massima) viene attivata soltanto tenendo premuto il tasto relativo. E’ attivabile solo da velocità 4 in poi. Serve per l’omogeneizzazione. 

11. Utilizzo delle temperature. : 
• 37° C per cotture delicatissime (es. fusione del cioccolato) e per montare uova o impasti di torte. 
• 50-80°C per cotture delicate : creme, zabaione, prodotti in genere a base di uova e latte 
• 90-100°C per tutte le cotture (dai primi alle verdure) 
Varoma (= 100°C costanti) per cotture a vapore, cotture contemporanee di più piatti e per addensare sughi. 

Autopulizia

Se si fanno lavorazioni che comportano dei residui difficili da togliere, usate il sistema autopulente: versate acqua nel boccale e coprite le lame: velocità 6-7 per 30 secondi. Volendo si può aggiungere anche del sale grosso che detergerà perfettamente il boccale.

Boccale

Quando si fanno più lavorazioni e quella successiva prevede il boccale perfettamente asciutto, pur asciugandolo perfettamente resta sempre un po’ di umidità, quindi fate girare a vuoto per una decina di secondi a vel.7-8. La forza centrifuga “sparerà” l’acqua rimasta sulle pareti del boccale che si asciugheranno con uno strofinaccio.

Quando vi capita che qualcosa fuoriesce dal boccale Bimby, non dovete fare altro che abbassare immediatamente la temperatura e aggiungere una o due gocce di acqua. La marmellata (o altri prodotti) smetterà di sobollire sul coperchio. Non facciamo altro che abbassare la temperatura, come per un normale fornello a gas.

Ultimata la cottura o tolto il contenuto dal boccale, inserite per il lavaggio acqua tiepida: non utilizzate acqua fredda che potrebbe provocare uno shock termico ai tre componenti (acciaio, plastica, alluminio) che porterebbero lo scollamento.

Cestello

Per togliere il cestello dal boccale si usa la spatola: si incastra nell’invito, posto nella parte superiore, la parte della spatola che sorregge.

Bilancia

Se ci si dimentica di pesare qualche ingrediente e bisogna inserirlo con lame in movimento, si può appoggiare sul boccale un contenitore, inserire la bilancia e versare nello stesso l’ingrediente che bisogna pesare, poi procedere con la lavorazione. Se si inserisce un peso superiore a quello indicato, si può togliere il boccale, si leva quanto in eccesso e si rimette il boccale: la bilancia mantiene la memoria di quanto si stava pesando. Si può togliere il soprappeso con un cucchiaio, rigorosamente di legno, ricordandosi di non usare mai attrezzi taglienti che potrebbero graffiare l’acciaio del boccale.

Coperchio del boccale

La posizione di riposo del Bimby prevede il coperchio non inserito, cioè si deve mettere  “a cappello”. Quindi, una parte inserita nel boccale e l’altra che fuoriesce. Questo per evitare la tensione costante sulla guarnizione e sul congegno di chiusura che, a lungo andare, si danneggerebbero.

Coperchio del varoma

Il coperchio del Varoma quando è finita la cottura, diventa un vassoio. Si toglie il coperchio, prestando attenzione a non scottarsi, si posa la parte esterna sul piano di lavoro, e nell’incavo si appoggia il Varoma bloccando in questo modo la fuoriuscita di eventuali liquidi e sgocciolamenti.

(ingusto.it)

Lascia un commento

*