Taralli

Questo post è stato letto159volte!

Profumati, friabili, golosi e facilissimi da fare: i taralli sono un prodotto da forno tipico della Puglia, perfetti come snack o per un gustoso aperitivo fatto in casa, ma si rivelano anche un ottimo accompagnamento per pasti tipici all’insegna di salumi e formaggi.

Ingredienti

200 g di farina

60 ml di olio evo

30 ml di vino bianco

50 ml di acqua a temperatura ambiente

Sale q.b.

1 cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate

Un rametto di rosmarino fresco

Procedimento

Versate l’olio, l’acqua e il vino all’interno di un bicchiere, poi aggiungete un pizzico di sale e mescolate.

Disponete la farina e il lievito all’interno di una ciotola capiente, quindi versate pian piano anche i liquidi, mescolando inizialmente con una forchetta, poi proseguendo con le mani.

Quando l’impasto avrà iniziato a compattarsi, trasferitelo sulla spianatoia leggermente infarinata, aggiungete il rosmarino sminuzzato e continuate a lavorare a mano, energicamente fino ad ottenere un panetto omogeneo, liscio ed elastico.

 

Impastate ancora con le mani fino a formare una palla, poi avvolgetelo con della pellicola da cucina e lasciatelo riposare per 30 minuti.

Trascorso il tempo, rilavorate velocemente la pasta, che deve presentarsi liscia e priva di rotture o grumi.

Staccate piccoli pezzi di impasto da 15 g ciascuno, poi procedete allungandolo fino a ricavare un bastoncino lungo 12 cm, quindi arrotolatelo su se stesso facendo sovrapporre le estremità.

Una volta ricavata la forma di un anello, disponetela in una teglia precedentemente foderata di carta forno, e una volta completata la teglia, riponetela in frigo per 30 minuti, questo passaggio servirà a far conservare la forma dei taralli.

Nel frattempo portate a bollore una pentola con dell’acqua. Appena l’acqua raggiunge la perfetta temperatura, immergete un paio di taralli per volta. Smuoveteli con una forchetta e appena saliranno a galla, scolateli con un mestolo forato e adagiateli sopra un canovaccio. Immergete anche il resto dei taralli proseguendo l’operazione fino ad esaurimento.

Infine riponete i taralli ormai tiepidi sopra la teglia da forno, usata precedentemente, rivestita con della carta forno, e portate in forno per completare la cottura.

Cuocete in forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti, o comunque fino a doratura, poi a 200 gradi per altri 5 minuti. I taralli dovranno essere ambrati, ma non bruciati.

                                                *********************

È possibile variare l’aroma dei taralli con estrema facilità. Sperimentate sostituendo il rosmarino con del finocchietto oppure con spezie come curry, paprika o cumino.

È consigliabile conservare i taralli in un contenitore di vetro o in una scatola di latta, in alternativa, vanno bene anche dei sacchetti per alimenti ben sigillati.
Si conserveranno croccanti e fragranti per almeno una settimana

Precedente Cornetto sfogliato Successivo Gnocco fritto

Lascia un commento